Prima che Trump devasti il clima

trump

Cari avaaziani in tutto il mondo,

Tra 67 giorni Trump diventerà Presidente e potrà iniziare la sua guerra contro l’accordo globale sul clima. Ma prima che distrugga tutto quello per cui abbiamo lottato, questa settimana possiamo convincere i governi ad accordarsi su un piano concreto per una transizione verso le energie pulite.

Germania, Cina, India, Brasile e anche l’Italia, assieme ai paesi più a rischio per il cambiamento climatico, stanno partecipando ad un vertice per definire nei dettagli il loro impegno per il clima: se interveniamo ora in massa possiamo spingerli a mettere al sicuro il piano per il 100% di energie pulite, usare la loro influenza per farlo rispettare anche agli USA, e affrettarsi a spingere l’economia mondiale verso soluzioni sostenibili, un processo che Trump non potrà fermare.

È possibile ottenere una nuova presa di posizione inequivocabile sulla lotta ai cambiamenti climatici, anche a prescindere da quello che farà Trump. Rendiamo questo appello enorme, per dimostrare che combatteremo fino alla fine per tutto ciò che amiamo — lo consegneremo direttamente ai governi.

Firma per salvare l’accordo di Parigi, e inoltra questa email a tutti!

Donald Trump pensa che il cambiamento climatico sia una bufala, ha deriso l’accordo di Parigi, e una delle prime cose che ha fatto è stato scegliere un negazionista del clima legato alle multinazionali del petrolio come consigliere sull’ambiente!

Ma Parigi è già entrato in vigore. Le nazioni più vulnerabili ai cambiamenti del clima stanno guidando la carica per farlo rispettare e ieri la Germania ha annunciato un piano molto deciso di tagli radicali alle emissioni. Soprattutto, la Cina c’è. Ha capito i benefici della chiusura delle vecchie centrali a carbone e sta battendo ogni record nel campo delle rinnovabili.

Quando prenderà il potere, Trump potrebbe far uscire gli USA dalla convenzione sul clima dell’ONU. Ed essendo il Paese più inquinante al mondo, questo avrà un enorme impatto su tutti noi. Ma farlo sarà un incubo burocratico per lui, potrebbe metterci anni. Per questo dobbiamo far sì che il resto del mondo acceleri, anche se lui farà rallentare gli Stati Uniti.

Insomma, non possiamo permettere che questo miliardario ignorante blocchi l’unica strada possibile per salvare il pianeta. Dobbiamo puntare tutto per far restare il mondo intero su quella strada.

Firma ora per far ribadire ai nostri politici l’impegno per il pianeta, e inoltra a tutti!

L’accordo storico di Parigi l’abbiamo reso possibile tutti assieme. Abbiamo marciato, donato, firmato, e obbligato il mondo ad ascoltare. Abbiamo spinto buoni leader a diventare campioni del clima e abbiamo complicato la vita a chiunque volesse fermare il progresso. Parigi è sempre stato un punto di partenza. Abbiamo ancora tanto da fare per salvare tutto ciò che amiamo. Ma se si blocca ora, perderemo la migliore speranza di cooperazione internazionale sul clima. Dobbiamo agire questa settimana.

Con speranza,

Iain, Alice, Pascal, Risalat, Fatima, Ricken e tutto il team di Avaaz

Lascia un commento