Ci sono ancora troppe persone che non sanno che si vota

Cari avaaziani,

Ci dicevano che le trivelle erano per i posti di lavoro, e invece sembra fossero per far fare milioni al compagno della Ministra che per lo scandalo si è dovuta dimettere.

Ci dicevano che il petrolio ora è sicuro e in pochi giorni un oleodotto ha ceduto in Francia e una petroliera si è spezzata in due, a Taiwan, versando centinaia di tonnellate di greggio — disastri che nessuno può escludere domani nell’Adriatico.

Ora tocca a noi farci sentire: perché  tra tre giorni, c’è il referendum con cui possiamo fermare le trivelle.

Avaaz-17-Aprile-voto-si

E questa ultima settimana è fondamentale: gli ultimi sondaggi dicono che il 47% degli italiani andrà “sicuramente a votare”. Significa che ci mancano circa 1 milione di voti. Siamo oltre 2 milioni nella rete di Avaaz,  per farcela basta davvero che abbastanza di noi dicano ora che il 17 aprile andranno a votare e lo condividano – è il modo più efficace per convincere amici e parenti a fare lo stesso. Unisciti ora con un click:

https://secure.avaaz.org/it/italy_referendum_17_loc/?bUEQIcb&signup=1&cl=9840691953&v=75266

Il dibattito sul referendum contro le trivelle in questa settimana è esploso ma ci sono ancora troppe persone che non sanno che si vota, quando e perché è importante farlo. Nel 2011 vincemmo i referendum per l’acqua pubblica e contro il nucleare per pochi punti percentuali, e sarà la mobilitazione di questi ultimi 3 giorni a decidere se ce la faremo anche contro le trivelle.

Dicono che si perderanno posti di lavoro ma i posti creati dal settore rinnovabile, sono almeno quattro volte superiori a quello dell’industria degli idrocarburi. Francia e Croazia hanno appena annunciato moratorie contro le trivelle nel Mediterraneo e se vince il Sì in Italia tutte le piattaforme esistenti entro le 12 miglia dalla costa dovranno fermarsi appena terminate le concessioni. Una decisione che potrà finalmente spingere il nostro paese all’avanguardia verso un mondo ed una economia ad energie pulite.

Sono gli ultimi 3 giorni per convincere gli indecisi. Unisciti ora alla campagna con un click, e poi condividi che il 17 aprile andrai a votare sì: il tuo esempio può convincere amici e parenti ad informarsi e non lasciare decidere all’astensionismo:

https://secure.avaaz.org/it/italy_referendum_17_loc/?bUEQIcb&signup=1&cl=9840691953&v=75266

Raccogliendo quasi 100mila firme e consegnandole ai presidenti di regione che potevano convocarlo, la comunità di Avaaz è stata fondamentale per ottenere questo referendum. Una decisione che ha già spinto il governo a fermare la liberalizzazione delle trivelle lo scorso dicembre. Ma tra tre giorni possiamo completare questa vittoria, facendo vedere che l’Italia vuole guidare la transizione verso il 100% di energie pulite. Unisciti ora!

Con speranza e determinazione,

Luca, Francesco, Alex, Luis e tutto il team di Avaaz

Lascia un commento