E’ il momento della Palestina

Mentre bombardamenti aerei e missili stanno portando distruzione, il riconoscimento della Palestina all’ONU potrebbe aprire la strada a una pace duratura. Gli USA e Israele stanno facendo pressione per far saltare questa possibilità ma l’Europa non ha ancora preso posizione e i ministri degli esteri europei si incontreranno tra 4 giorni. Le nostre richieste e una enorme bandiera nel cuore di Bruxelles possono convincere l’Europa a votare “sì”. Unisciti a questa richiesta urgente di pace e libertà:

Firma la petizione

Mentre a Gaza piovono bombe Palestinesi e Israeliani sono sul’orlo di un’altra spirale di violenza e vendette. Ma, proprio ora, l’Autorità palestinese sta per chiedere il riconoscimento all’ONU e questa potrebbe essere un’opportunità incredibile per la pace. Aiutiamoli a farla diventare realtà.

Mentre nel sud di Israele la popolazione vive nella paura dei razzi, a Gaza i palestinesi vivono sotto assedio, imprigionati in una striscia di terreno strettissima. E in Cisgiordania la gente viene espropriata della terra occupata da insediamenti illegali, i malati sono bloccati per ore nel percorso verso gli ospedali dai posti di blocco israeliani e le famiglie sono divise da enormi muri che tagliano in due i loro campi. Ma se i Palestinesi vinceranno la loro scommessa all’ONU per uno stato subito, potremmo assistere all’inizio della fine di 40 anni di occupazione e fare strada a due stati, Palestina e Israele, che possano vivere fianco a fianco in pace e totale sicurezza.

Gli USA e Israele stanno cercando di far saltare il voto all’ONU e l’attacco contro Gaza potrebbe essere un tentativo di spostare l’attenzione e di far apparire inaffidabili i palestinesi. Ma l’Europa non ha ancora preso una decisione e i ministri degli esteri europei si incontreranno tra soli 4 giorni. Se ci faremo sentire ora potremo convincere l’Europa a votare “Sì” per la pace e la libertà. Clicca per inondare chi cerca di sabotare questa decisione con le nostre richieste piene di speranza riunite in un’enorme petizione e consegnate attraverso una bandiera alta cinque piani esposta fuori dall’incontro dei ministri (foto a destra):

http://www.avaaz.org/it/palestine_worlds_next_nation_a/?bUEQIcb&v=19269

Si tratta di una proposta legittima e nonviolenta che darebbe ai palestinesi un nuovo status legale. Ed è anche la miglior occasione di cambiare il corso degli eventi: ci consentirebbe di mettere fine a trattative senza fine portate avanti dagli USA che coprono la costante e illegale colonizzazione delle terre palestinesi da parte degli “insediamenti” israeliani. La risoluzione palestinese chiede la riattivazione e l’accelerazione dei negoziati. Un voto a favore salverebbe la strada a un processo di pace più bilanciato ed equo tra due stati legittimi.

Mentre il governo israeliano e quello USA definiscono la richiesta di riconoscimento “unilaterale” e pericolosa, al contrario l’ONU, la Banca Mondiale e FMI dicono che i palestinesi sarebbero pronti a governare un loro stato se solo l’occupazione finisse. Gran parte dei paesi nel mondo sostengono in modo schiacciante questa direzione diplomatica per portarci fuori dalla violenza. Ironicamente, gli sforzi di USA e Israele per far fallire questa richiesta e le loro minacce di tagliare i fondi ai palestinesi sono autodistruttive poiché alimentano chi vuole eliminare Israele in quanto stato ebraico.

L’anno scorso gli USA hanno bloccato il riconoscimento della Palestina al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Ma con il voto tra pochi giorni all’Assemblea generale dell’ONU, grazie ai voti di tutti i paesi e all’approvazione del riconoscimento, potremmo vedere la fine all’egemonia degli USA e di Israele sul conflitto. Il voto non potrà ammettere completamente la Palestina all’ONU, ma può dichiarare la Palestina uno stato permettendole di accedere a una serie di organizzazioni internazionali e dando maggiore legittimità internazionale agli sforzi nonviolenti dei palestinesi per fermare l’occupazione militare israeliana.

Le bombe e i missili stanno seminando vittime proprio in queste ore e l’Europa ha per le mani l’opportunità di promuovere pace e libertà: se riusciremo a convincere Francia, Spagna, Germania e Gran Bretagna a stare dalla parte giusta della storia sostenendo l’indipendenza della Palestina, dando loro supporto e aiuti finanziari, potremmo arrivare a un punto di svolta. Unisciti alla petizione e manda un messaggio per sostenere il riconoscimento:

http://www.avaaz.org/it/palestine_worlds_next_nation_a/?bUEQIcb&v=19269

Lo stato palestinese non porterà a una soluzione del conflitto nel giro di una notte, ma il riconoscimento dell’ONU cambierà le attuali dinamiche, sbloccando la possibilità di arrivare a pace e libertà. In tutta la Palestina, la gente si prepara, con la speranza e l’aspettativa di ottenere quella libertà che le attuali generazioni non hanno mai conosciuto. Stiamo al loro fianco.

Con speranza e determinazione,

Alice, Jeremy, Marie, Ricken, Aldine, Nick, Antonia, Pascal e il resto del team di Avaaz

Lascia un commento